Roma, (askanews) - Si terranno il 30 agosto ad Amatrice i funerali delle vittime di Amatrice ed Accumuli. A dirlo, è stato il vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, in visita nella cittadina laziale devastata dal sisma nella notte di mercoledì 24 agosto.

"Le esequie si svolgeranno ad Amatrice per i defunti di Amatrice e Accumuli la prossima settimana perché le ricerche non sono ancora completate e ci sono problemi di viabilità che vanno risolti. Si era scelto il mercoledì, poi, per favorire anche la partecipazione del presidente del Consiglio, che lo ha espressamente richiesto perché non poteva di mercoledì, si è deciso con le autorità del territorio di anticiparle a martedì 30 agosto alle ore 18".

"Sarà una celebrazione senza le salme, ma sarà la celebrazione in cui condivideremo il dolore delle famiglie coinvolte e cercheremo di ritrovare la via della speranza. Sarà il modo di condividere un momento per rielaborare questo drammatico lutto che ciascuno vive nel suo nucleo familiare ma che ha bisogno anche di un momento condiviso per affrontare il futuro lungo, faticoso e incerto" ha proseguito il vescovo.

"Le famiglie stanno liberamente decidendo quando fare il ricordo del loro caro, ma questo è un momento unitario e egualitario, la presenza delle salme non è richiesta".