Mariupol (askanews) - In Ucraina la situazione sembra precipitare, per l'ennesima volta. Mariupol, l'ultima grande città strategica dell'Est del Paese ancora sotto il controllo del governo di Kiev, è stata pesantemente bombardata. La pioggia di razzi Grad ha ucciso almeno 21 civili e ferito oltre 80 persone, ma il bilancio potrebbe non essere definitivo. Le forze armate ucraine accusano i separatisti della strage, ma i filorussi negano dicendo di non aver attaccato le case.Il primo ministro ucraino Yatseniuk ha lanciato un appello agli occidentali a convocare d'urgenza una riunione straordinaria del Consiglio di sicurezza dell'Onu. "La comunità internazionale deve fermare l'aggressore russo che minaccia la sicurezzainternazionale" ha detto.(Immagini Afp)