Katmandu, 16 ott. (TMNews) - Gli uomini del soccorso nepalese sono riusciti a portare in salvo più di 150 persone, fra cui decine di escursionisti stranieri, con le quali erano stati persi i contatti a causa di una violenta tempesta di neve. Ma il bilancio resta molto pesante: circa 30 persone, tra guide locali ed escursionisti hanno perso la vita sul trekking dell'Annapurna e ai piedi del Dhaulagiri, due dei 14 ottomila."Abbiamo fatto grandi progressi oggi. Abbiamo riportato a casa sani e salvi 154 alpinisti, di cui 76 stranieri", ha dichiarato Ganesh Rai, il responsabile dei soccorsi.Ieri erano stati ritrovati i corpi di 23 guide ed escursionisti, uccisi dalla tempesta di neve sul circuito dell'Annapurna, un anello alla base del gigante himalayano. Altri 5 alpinisti hanno perso la vita sotto una valanga mentre si trovavano al campo base del Dhaulagiri.