Roma, (askanews) - Sgombero nella notte per gli ultimi residenti dello zoo di Khan Yunis nella striscia di Gaza, uno sgombero a cura dell'associazione Four Paws, "quattro zampe". Davanti a ogni gabbia un veterinario ha somministrato una fialetta di anestetico.

In tutto tre i medici con un assistente venuti dall'estero per svuotare l'ultimo cimitero a cielo aperto, i resti di quello zoo di Khan Yunis che quando aprì dieci anni fa aveva un centinaio di animali, poi decimati dalle guerre a ripetizione, dalla fame e dalla mancanza di strutture adeguate. I 15 animali sopravvissuti contano scimmie, pellicani, gazzelle, istrici e l'unica tigre della Striscia.

I veterinari di Four Paws hanno compiuto vari viaggi a Khan Yunis per esaminare la situazione prima del trasferimento. Gli animali sono arrivati in Israele, passando quelle frontiere che sono invalicabili per i residenti della Striscia. Da lì andranno in Giordania e la tigre, con una gabbia speciale, sarà mandata in Sudafrica in aereo.

Il peggior colpo per lo zoo di Khan Yunis è stato il conflitto del 2014 che secondo l'Onu ha ucciso 2.251 palestinesi e 73 israeliani, di cui 67 soldati.