Ulan Bator, (TMNews) - La Mongolia cerca una svolta decisa verso l'energia pulita e per questo ha inaugurato il suo primo parco eolico. Si tratta di un maxi progetto da 122 milioni di dollari per una potenza di 70 MWatt, in grado di garantire il 5% del fabbisogno nazionale.Il parco eolico di Salkhit costituisce il primo passo verso una minore dipendenza dell'economia nazionale dal carbone: il settore minerario ha infatti vissuto negli ultimi anni un vero e proprio boom - che ha però fatto della capitale Ulan Bator la seconda città più inquinata del mondo dietro all'iraniana Ahvaz.Salkhit permetterà di risparmiare fino a 122mila tonnellate di carbone all'anno, ed è più grande impianto energetico del Paese realizzato negli ultimi 30 anni. L'obiettivo finale è quello di portare al 20% il contributo delle rinnovabili.(Immagini Afp)