Milano (askanews) - Al confine tra Umbria e Toscana, a due passi dal lago Trasimeno c'è una realtà unica in Italia: la prima "terrazza sull'albero" accessibile ai diversamente abili. Un modo in più per dire che la Natura non ha limiti. È una delle attrattive di Panta Rei, tra le più attive fattorie-scuola d'Italia, che si trova nel comune di Passignano sul Trasimeno.Nata negli anni '80 come la fenice, dalle ceneri di una vecchia azienda agricola distrutta da un incendio, anziché abbattuta, Panta Rei è stata integralmente recuperata con tecniche di bio edilizia, risparmio energetico e fitodepurazione delle acque, come ci ha spiegato Dino Mengucci che con la moglie Mary si occupa della gestione del centro."Abbiamo avuto la fortuna di incontrare un gruppo di studenti di architettura di Parigi - ha spiegato - che avevano messo in piedi l'associazione Atelier Ambulant d Architecture e con loro abbiamo co-progettato il recupero di questi capannoni e abbiamo sperimentato tecniche un po' all'avanguardia come muri di terra e paglia o balle di paglia, usando tutto il materiale recuperabile della zona e con tecniche di bio edilizia"."Questa casa l'abbiamo costruita nel 2011. In particolar modo con terra e paglia e lana. I muri sono molto traspiranti e tutti coibentati. Io ci vivo da tre anni e ci si vive molto bene. È un piacere abitarla".Ogni anno centinaia di bambini e adulti vengono a trascorrere vacanze-studio a Panta Rei. Imparano a conoscere gli alberi e gli animali, mangiano in modo sano e nutriente, dormono in questi letti di legno condividendo spazio ed emozioni."L'esperienza più bella che ho vissuto è a contatto con ragazzi con problemi o con handicap. Qui si riscoprono i migliori della classe perché per loro è naturale stare con la natura e con gli animali e mettersi in gioco ed è una ricchezza enorme, a noi dà un'energia grandissima".