Nonostante sia percepito dalla maggior parte delle persone come fonte di imbarazzo, il sudore ha l’importante funzione di regolare la temperatura corporea e di veicolare all’esterno alcune sostanze di scarto.
Quando la sudorazione è abbondante o maleodorante possiamo alleviare la sensazione di fastidio mettendo in atto dei piccoli accorgimenti, come ci suggerisce la dottoressa Adele Sparavigna, dermatologa e presidente dell’Istituto Derming.
Sudorazione eccessiva. In questo caso si possono utilizzare degli antitraspiranti come sali di alluminio, zirconio e zinco i quali grazie all'effetto astringente del poro sudorale, riducono la quantità di sudore escreto fino al 40%. Attenzione a non abusarne. L’utilizzo prolungato e continuativo potrebbe infatti favorire la formazione di noduli infiammatori per ritenzione di sudore nella ghiandola. È consigliabile l’uso a giorni alterni. Nei casi estremi, non superare i cinque giorni di applicazioni quotidiane.
Sudorazione maleodorante. Il sudore è incolore e inodore. L’odore sgradevole si crea a seguito del contatto tra il sudore e i batteri della pelle. Per contrastare questo processo esistono diversi composti naturali o di sintesi dall’azione battericida/batteriostatica come l’estratto di liquirizia, propoli e limone o salicilanilidi, polialogenate, carbanilidi, clorexidina.
Alimentazione. Alcuni alimenti come il caffè, il tè, il cioccolato e le spezie intensificano la sudorazione. Limitarne quindi il consumo nei periodi più caldi.