Roma, (TMNews) - Sette arresti per associazione a delinquere con l'aggravante di aver favorito il clan di camorra dei Casalesi e un sequestro di beni per 1,5 milioni di euro. È l'operazione "Fuori giri" della Guardia di Finanza, a conclusione delle indagini coordinate dalla Procura di Napoli, nella zona del Sud Pontino.I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Roma e gli agenti della Polizia della squadra mobile di Latina hanno eseguito decine di perquisizioni nella provincia di Latina e Caserta. In manette sette persone ritenute di rilievo del sodalizio dei Casalesi.Il giro consisteva nell'appropriazione indebita di autovetture di grossa cilindrata, poi esportate in Germania, dove venivano immatricolate dopo la falsificazione dei numeri identificativi e dei documenti di circolazione e il reinvestimento degli ingenti profitti a sostegno dell'organizzazione dei Casalesi nel sud pontino.