Palermo (askanews) - "Siamo non solo dispiaciuti ma anche seccati, siamo arrabbiati perché non vogliamo più sentire o ripetere che un musulmano è un potenziale terrorista".A parlare è Mustafa Boulaalam, imam della moschea sunnita di Palermo. A una settimana dai drammatici eventi di Parigi, anche la comunità musulmana di Palermo dunque si stringe al dolore del popolo francese."Come comunità musulmana di Palermo e di Sicilia dobbiamo condividere il dolore con le famiglie e lo Stato francese e possiamo mandare un messaggio qua da Parigi che noi siamo con la Francia e con il popolo francese".Boulaalam ha rimarcato la distanza tra i veri musulmani e chi usa la religione come un pretesto per portare morte e terrore. Nell'albergo in cui si trovavano i terroristi - ha sottolineato - hanno trovato siringhe con droga e questo significa che non rappresentano completamente l'Islam."Dentro la nostra moschea e nei luoghi di culto, cerchiamo di insegnare ai giovani a condividere le responsabilità. Perchè non siamo più extracomunitari, ma siamo italiani. Abbiamo una grande responsabilità, che è quella di restare uniti.Su quale sia il modo migliore per sconfiggere il terrorismo, l'imam ha le idee chiare: bisogna aumentare il dialogo religioso."Questo è un messaggio che vogliamo che parted a Palermo e vada in tutto il mondo, per evitare tutto questo conflitto, bisogna aumentare la fratellanza tra le religioni".