Roma, (askanews) - L'ultimo bilancio parla di 19 morti, tra cui 17 turisti stranieri e oltre 40 feriti. Ma non è ancora chiaro il numero preciso delle vittime della strage di ieri al museo Bardo di Tunisi. Nel blitz delle forze speciali per liberare gli ostaggi, tra cui c'erano almeno 100 italiani, sono stati uccisi anche due jihadisti. Tra i turisti uccisi ci sarebbero due francesi, due colombiani, un polacco, un australiano, due spagnoli, un turista non identificato, due tunisini. Fino a ieri si era parlato di quattro italiani uccisi e 13 feriti. Ma il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha precisato che bisogna attendere conferme ufficiali. "Le autorità tunisine - ha detto - hanno riferito di quattro vittime italiane. Ma di queste, probabilmente due non sono vittime, ma feriti, e ci sono altri due dispersi".Intanto, la nave Costa Fascinosa ha lasciato il porto di Tunisi facendo sapere che sono 13 i passeggeri mancanti all'appello. I morti accertati sono due piemontesi: Francesco Caldara, pensionato di Novara e Orazio Conte, marito di una dipendente del comune di Torino che risulta ferita. Il sindaco di Torino Piero Fassino ha annunciato per questa sera la manifestazione "Torino contro il terrorismo" e ha invitato i Comuni italiani a fare iniziative analoghe.Il ministro Gentiloni ha detto che la minaccia terroristica è aumentata. Ma che bisogna reagire con la forza della democrazia. Condanna unanime è arrivata anche da Stati Uniti, Parigi e dalle Nazioni Unite.