Napoli (askanews) - Una tragedia della follia dove le vittime dell'ennesima strage in famiglia sono delle donne. Madre e figlia di appena quattro anni sono state uccise a colpi d'ascia a Licola, nel comune di Giugliano, in provincia di Napoli.A uccidere è stato il padre della piccola, Volodymir Havrylyuk, che, dopo aver accolellato a morte la moglie Marina (che aveva 30 anni), ha infierito sulla piccola Katia e poi ha tentato di togliersi la vita ferendosi alla gola.L'ucraino lavora in un vivaio, il suo titolare, non vedendolo arrivare, si è recato a casa sua per capire cosa fosse successo. Qui ha scoperto l'accaduto. "Ho fatto un guaio" avrebbe detto il killer al suo datore di lavoro che l'ha trovato in un bagno di sangue.Sono ancora tutti da ricostruire i motivi del raptus omicida che ha colpito la famiglia ucraina. Volodymir Havrylyuk ora è in ospedale a Pozzuoli ed è in stato di fermo.