Seul (TMNews) - Sgarbi, dispetti e ripicche nella penisola di Corea. Il presidente cinese Xi Jinping è atterrato a Seul, in Corea del Sud, accordando la precedenza al Sud per il suo viaggio nella regione, una visita di Stato che molti analisti considerano una clamorosa presa di distanza nei confronti dello storico alleato di Pechino.Si tratta della prima visita ufficiale del presidente del colosso asiatico nella regione e segnerà il secondo incontro con il leader sud-coreano Park Geun-Hye, dopo il precedente meeting in Cina dello scorso anno.Le ambizioni nucleari di Pyongyang saranno al centro dei colloqui tra i due leader.L'irritazione evidente della Corea del Nord si è concretizzata nel lancio di diversi missili per dimostrare, secondo gli osservatori, il fastidio per lo "sgarro" di Xi Jinping e un'inalterata capacità di colpire.Pyongyang ha comunque segnato un punto a suo favore in una diplomazia asiatica sempre più fluida e dinamica. Il Giappone ha infatti deciso di revocare una parte delle sanzioni unilaterali imposte contro la Corea del Nord nel quadro dei negoziati sui cittadini giapponesi rapiti durante la Guerra fredda da agenti di Pyongyang.(Immagini Afp)