Saint Louis (askanews) - A Ferguson, in Missouri, è stato dichiarato lo stato di emergenza. La decisione dopo che un adolescente accusato di avere sparato sulla polizia è stata gravemente ferito a seguito degli scontri scoppiati tra dimostranti e polizia al termine di una pacifica manifestazione in ricordo del primo anniversario della morte di Michael Brown, il giovane afro-americano ucciso da un poliziotto bianco.La sparatoria è avvenuta quando due gruppi rivali hanno iniziato a uno scontro a fuoco nel cuore della strada in cui si stavano svolgendo le manifestazioni. Il capo della polizia del piccolo sobborgo di St. Louis ha confermato che ci sono state altre due sparatorie ma che gli agenti hanno risposto solo con i gas lacrimogeni.Le autorità non hanno ancora diffuso l'identità della persona rimasta ferita. Il ragazzo avrebbe aperto il fuoco contro un'auto della polizia e un agente a questo punto avrebbe risposto dall'interno del veicolo. Dopo una fitta serie di scambi di colpi, che forse ha coinvolto anche altri manifestanti, il ragazzo è caduto a terra dopo essere stato colpito. A rispondere alla violenta sparatoria sarebbero stati quattro agenti.(Immagini Afp)