Roma, (askanews) - Disegni spettacolari in mezzo al deserto libico. Arte rupestre preistorica, pitture e incisioni che rappresentano soprattutto animali, o scene di caccia e di vita quotidiana, nascoste sotto rocce di varie forme e dimensioni tra le gole e le dune di sabbia. E' un sito famoso in tutto il mondo quello di Acacus, vicino alla città di Ghat, nella parte sud-ovest della Libia. Ma che rischia di andare distrutto. I disegni e soprattutto i colori si stanno rovinando. E il loro deterioramento è iniziato tempo fa."Una famiglia ha vissuto in questa caverna 20 anni fa o più - racconta una guida - ci cucinavano, non sapevano quanto fosse importante questo luogo e con il fuoco hanno danneggiato molte pitture".Negli ultimi anni poi, vandali hanno sporcato con scritte e graffiti queste preziose rocce così piene di storia, incuranti del loro valore."Sono le pitture migliori dell'epoca preistorica di tutta la regione dell'Acacus - spiega un insegnante di storia - ma dagli anni '90 in poi i gruppi di turisti le stanno distruggendo e qualche guida ci getta acqua sopra per far risaltare meglio i colori e permettere di fare foto migliori".I turisti arrivavano qui in auto o con una passeggiata sul dorso di cammello, anche se di recente, anche a causa della minaccia terroristica e dell'instabilità nel paese, il turismo è crollato. D'altronde dice un'altra guida locale, "Non siamo più un'attrazione, da vedere è rimasto ben poco".