Roma, (askanews) - Stampa e opinione pubblica spaccate in Germania, dopo la vittoria del partito anti-austerity Syriza in Grecia. I commentatori hanno avvertito i greci che i creditori non permetteranno al partito di sinistra guidato da Alexis Tsipras di mettere la Germania alle strette durante colloqui sul mega-debito di Atene.La Bild, il tabloid più venduto in Europa, ha titolato "I greci votano la paura dell'euro" e ha definito "pericoloso" il programma di Syriza che punta a capovolgere le riforme economiche proposte da Berlino, primo contribuente dei pacchetti di salvataggio dell'eurozona.Ma cosa pensano i tedeschi?"Spero che non si arrivi a un'uscita della Grecia dall'eurozona. Sarebbe un male per l'Europa, ma anche per gli Stati Uniti e i paesi dell'est"."Io posso capire i greci e il fatto che non vogliano seguire le politiche europee, perché non fanno altro che creare loro un maggiore debito".E sulla cancellazione parziale del mastodontico debito che Syriza vuole chiedere a Bruxelles, un signore austriaco risponde:"Assolutamente no, 100% no. Ognuno deve tener fede ai propri impegni, da Merkel ai greci. Non ci possono essere compromessi"."Scusi signor Tsipras" - ha messo in guardia la Bild - questo è troppo. "L'eurozona non è un covo di scommettitori, dove ognuno può giocare come gli pare", ha aggiunto il tabloid di Springer.Per lo Spiegel online, invece, Tsipras merita un'opportunità: "I greci potevano davvero votare un partito che ha messo il paese in ginocchio?", ha scritto il settimanale di Amburgo, riferendosi al partito del primo ministro Antonis Samaras Neo Demokratia.(Immagini Afp)