Il 15 marzo è partito lo Spid, il Sistema pubblico per l'identità digitale, che permetterà agli italiani di accedere telematicamente ai servizi della Pubblica Amministrazione (e in futuro anche dei privati) utilizzando un solo nome utente e una sola password, sempre quella. In pratica, un Pin unico a prova di privacy per dialogare con la Pa dal Pc di casa o lo smartphone e utilizzare gli sportelli telematici di enti come Inps, Inail e Comune per tasse, ticket e moduli on line. Nel “Focus” fanno il punto sulle novità Antonio Samaritani, Dg Agenzia Italia digitale (Agid), Anna Pia Sassano, responsabile progetto Spid Poste Italiane Spa, Paolo Coppola, presidente Tavolo per l'innovazione e l'Agenda digitale e Renato Brunetti, presidente Associazione italiama internet provider (Aiip).