Kinsibba (Siria), (askanews) - I segni della jihad sul muro sembrano una promessa che i terroristi non vogliono la tregua in Siria. E la promessa è mantenuta.Sono almeno 8 i colpi di artiglieria sparati - in modo dimostrativo - contro un gruppo di giornalisti internazionali. Queste le immagini girate pochi minuti prima degli spari: sullo sfondo il confine turco e Bdama, ancora controllata dagli jihadisti del Fronte al Nusra e da dove provenivano i colpi. L'attacco è avvenuto presso la roccaforte di Kinsibba, una pendice a Nord del Paese a pochi chilometri dal confine turco. Nella fuga quattro reporter sono rimasti lievemente feriti. Il Fronte al Nusra, "Fronte del soccorso al popolo di Siria", gruppo affiliato ad Al Qaeda, nonché una delle due organizzazioni terroristiche - assieme all'Isis - non rientra nella tregua siglata da Russia e Usa, e resta nel mirino dei raid russi in Siria. Qui a pochi chilometri c'è il confine turco, come dimostrano anche i cellulari russi che ricevono il messaggio: "benvenuti in Turchia".