Ottawa (TMNews) - C'è l'ombra della matrice islamica dietro l'attacco armato del 22 ottobre al parlamento canadese di Ottawa che ha causato la morte di 2 persone, almeno 3 i feriti. La polizia infatti ha identificato l'assalitore: Michael Zehaf-Bibeau, un giovane cittadino canadese nato nel 1982 che, appunto, da poco tempo si era convertito all'Islam; l'uomo è rimasto ucciso nell'azione.Ha perso la vita anche Nathan Frank Cirillo, un soldato canadese di origini italiane. Il militare aveva 24 anni, sposato e padre di un figlio, ed era un riservista del reggimento Argyll and Sutherland Highlanders of Canada, nella base di Hamilton, in Quebec.L'attacco, il secondo nel giro di pochi giorni contro militari canadesi, è avvenuto proprio mentre il Paese si prepara a inviare caccia bombardieri in Iraq per unirsi alla campagna contro l'Isis, guidata dagli Stati Uniti."Il Canada non si lascerà mai intimidire dai gruppi terroristici contro cui è pronto a raddoppiare le proprie iniziative di lotta - ha dichiarato il premier canadese, Stephen Harper in diretta televisiva - questo attacco ci porterà a rafforzare la nostra determinazione e i nostri sforzi e quelli delle agenzie per la sicurezza nazionale, per adottare tutte le misure necessarie a identificare e contrastare le minacce e garantire la sicurezza al Canada".Stando ai media canadesi, l'attentatore era da tempo sotto il controllo dei servizi di sicurezza, che di recente gli avevano sequestrato il passaporto ritenendolo un "viaggiatore ad alto rischio". Un amico, poi, ha riferito che Bibeau pochi giorni prima dell'attentato gli aveva confessato di essere pronto a partire per il medio Oriente per conoscere meglio il mondo islamico.Le indagini della polizia proseguono senza tralasciare nessun particolare, intanto il sindaco di Ottawa, Jim Watson, ha annunciato la fine dell'isolamento imposto in alcune zone del centro della città.(Immagini Afp)