Hangzhou, (TMNews) - Il cosplay conquista anche la Cina. La moda di travestirsi dai personaggi dei cartoni animati e di fumetti o videogames, nata in Giappone e diffusa in tutto il mondo, ha preso piede anche nel paese socialista, dove film d'animazione e altri miti occidentali sono spesso oggetto di censura. "Ci prepariamo da sei mesi e ora dopo aver superato le fasi eliminatorie, siamo arrivati in finale": a parlare, travestito da cavaliere, è un amante del cosplay. Si trova alla nona edizione del China International Cartoon and Animation Festival, ad Hangzhou. Il cosplay non è solo travestimento. Ogni volta è prevista anche una coreografia o in qualche modo una rappresentazione. Qui la tradizione giapponese dei manga si mescola con personaggi della cultura cinese, come questi soldati imperiali. "La Cina dovrebbe rafforzare la propria influenza culturale - spiega il direttore del festival - l'animazione ha una lunga storia qui da noi. Molti film e molti cartoni animati sono popolari in tutto il mondo. Questa esposizione - conclude Cheng Weiqiang - sta richiamando migliaia di giovani da tutta la Cina. Solo oggi 140 mila persone sono venute in visita al salone".(Immagini Afp)