Roma, (TMNews) - Ingegneri, infermieri, chimici, informatici, sommelier, personal trainer dell'orto, agronomi e climatologi: sono queste alcune delle professioni più richieste dal mercato secondo uno studio realizzato dalla Fondazione ItaliaOrienta contro la disoccupazione giovanile, e presentato a Roma nella sede della Commissione europea. Mercato invece saturo di medici, architetti, odontoiatri e veterinari. Come spiega il professor Antonio Cocozza, dell'Università Luiss, che ha elaborato lo studio: "Abbiamo una serie di attività che non vengono coperte, come nel campo dell'artigianato - con oltre 100mila posti di lavoro non coperti. Abbiamo anche sviluppo nei settori innovativi, come la green economy. C'è dunque bisogno di orientare anche il nostro sistema di innovazione e ricerca verso i nuovi settori strategici".Quali, dunque, le richieste al futuro governo? "Noi chiediamo che l'attività del prossimo governo centri la sua attenzione sul lavoro, l'istruzione, innovazione e ricerca. Perchè solo attraverso questa attenzione è possibile rilanciare uno sviluppo, che sia prima di tutto ecosostenibile e duraturo. Non possiamo discutere solo ed esclusivamente di tasse, ma anche di come si produce il reddito e come si dà una prospettiva ai nostri giovani".Contro la disoccupazione giovanile, ItaliaOrienta ha lanciato il primo Education Tour italiano in 500 scuole di 40 città dello Stivale. Obiettivo: aiutare i giovani a entrare nel mercato occupazionale, indicando loro come si compila un curriculum vitae, come ci si presenta a un colloquio di lavoro. Il direttore di ItaliaOrienta Mariano Berriola:"Il primo educational tour italiano organizzato dalla Fondazione ItaliaOrienta ha l'obiettivo di mettere i giovani al centro, in particolare gli studenti e i ragazzi che soffrono. Questo educational tour ha obiettivo di andare nelle scuole italiane per portare agli studenti degli strumenti di orientamento per fare delle scelte consapevoli e con maggiore cognizione".