Milano, (TMNews) - Dopo Twitter gli hacker prendono di mira Facebook. Il social network ha rivelato di essere stato vittima di un "sofisticato attacco" il mese scorso, chiarendo che i dati personali degli utenti, oltre un miliardo in tutto il mondo, non dovrebbero essere stati compromessi. L'intrusione è partita dai computer portatili di alcuni dipendenti, colpiti dagli hacker dopo aver visitato il sito di uno sviluppatore. "Abbiamo rimediato al problema in tutti i dispositivi 'infetti', abbiamo informato la polizia e avviata una vasta inchiesta che prosegue attualmente", ha spiegato la società, chiarendo di essere sempre al lavoro per prevenire possibili attacchi. I social network si confermano nel mirino dei pirati informatici: all'inizio di febbraio Twitter ha comunicato che gli account di 250mila utenti erano stati violati.