Mosca, (TMNews) - Dopo Julian Assange, anche Edward Snowden punta all'Ecuador. L'ex ufficiale della Cia accusato di spionaggio per aver svelato i programmi di sorveglianza dell'intelligence america, ha chiesto asilo politico al Paese sudamericano, nella cui ambasciata a Londra si è rifugiato anche il fondatore di Wikileaks. La richiesta è stata confermata dal ministro degli esteri dell'Ecuador, Ricardo Patino. "Stiamo analizzando la richiesta con molta attenzione e responsabilità. è una vicenda di libertà di espressione e sicurezza dei cittadini nel mondo, di diritti e informazioni confidenziali. Per questo va analizzata con molta attenzione" ha detto il ministro durante una visita in Vietnam.Snowden è partito da Hong Kong per arrivare in Russia, tappa intermedia del viaggio che lo dovrebbe portare all'Avana e poi a Caracas. Proprio l'assistente di Assange, Sarah Harrison, l'ha accompagnato sul volo per Mosca: l'ex consulente si è spostato su una vettura diplomatica, come confermano alcuni passeggeri che erano con lui sull'aereo, non si è fatto vedere dalle decine di giornalisti che lo aspettavano all'aeroporto. "Ho visto uno che gli somigliava" conferma un compagno di viaggio. La Casa Bianca ha fatto sapere di attendersi cooperazione dalla Russia per il rimpatrio di Snowden, ma il Cremlino ha smentito di essere al corrente del suo transito moscovita.(immagini Afp)