Milano, (TMNews) - E', con ogni probabilità, un ceceno il "boia" dei tre uomini decapitati in Siria. Inoltre, è quasi sicuramente, un saudita il "giudice" che emette la sentenza di morte contro le tre vittime.Il video, postato su Youtube, mostra l'esecuzione di tre uomini accusati di "essere al soldo di Assad". Nelle immagini si vede un miliziano barbuto chein un arabo molto approssimativo spiega cosa hanno fatto i "tre prigionieri" ammanettati e fatti inginocchiare a terra in mezzo ad una folla. Il miliziano si rivolge ad un uomo fuori campo che presumibilmente è il "giudice". Il miliziano spiega di avere trovato addosso ai tre "i numeri di telefono di ufficiali dell'esercito del regime che stanno ad Aleppo" per poi aggiungere "da dove l'hanno presi?". La pronuncia del miliziano è chiaramente di uno straniero (non arabo e quindi non siriano) ed ha un accento che è molto probabilmente ceceno; e questo anche per le caratteristiche somatiche del volto nonchédall'abbigliamento.Dopo avere illustrato "le accuse a questi nemici dei mujahiddin", la voce fuori campo del "giudice" pronuncia la sentenza di morte: "Sia eseguito il verdetto di Allah". Anche qui, la parlata del "giudice" non è in dialetto siriano ma diarabi abitanti nell'area degli Emirati del Golfo: non è escluso che "il giudice" sia un saudita.