Beirut, (TMNews) - Quasi duemila civili, tra i quali oltre 500 bambini, sono stati uccisi nella campagna di raid aerei lanciata dall'inizio dell'anno dalle truppe del regime siriano sui quartieri ribelli nella provincia settentrionale di Aleppo. Lo ha indicato un'organizzazione non governativa."Dall'inizio di gennaio e fino al 29 maggio, 1.963 civili sono stati uccisi da barili di esplosivi e bombe sganciate dall'aviazione militare (...) tra i quali 567 bambini e 283 donne", ha indicato l'Osservatorio siriano dei diritti umani, che si basa su una larga rete di fonti civili, sanitarie e militari.Aleppo, ex capitale economica del Paese funestata da oltre tre enni di guerra, è divisa in quartieri pro e anti regime dal luglio 2013. I bombardamenti hanno causato l'esodo di migliaia di persone e hanno lasciato in rovina la città.