Roma, (askanews) - L'intervento russo "non salverà" il presidente siriano Bashar al Assad: lo ha dichiarato nella notte il presidente francese François Hollande."L'intervento russo può consolidare il regime, ma nonsalverà Bashar", ha detto Hollande, in una conferenza stampa amargine del summit europeo di Bruxelles.L'inquilino dell'Eliseo ha affermato inoltre che "bisogna andare il più velocemente possibile verso una transizione politica" in Siria: "E' molto chiaro che Bashar al-Assad non può più essere il futuro. Che significa ciò? Che deve andarsene. E' ciò che vuol dire. Siamo tutti d'accordo su questo punto. Qualcuno potrà dire di andarsene subito, nel mezzo o alla fine. Ciò che è importante dire che non è più il futuro e quindi che bisogna andare al più presto possibile verso questa transizione politica".Il 30 settembre sono iniziati i raid russi, che Mosca dichiara mirati contro l'Isis e gli alleati di al Qaida, mentre l'Occidente è convinto che colpiscano soprattutto i ribelli che si oppongono al regime di Bashar Assad in Siria. L'intervento russo, richiesto dal presidente siriano, è stato quindi accolto negativamente dalle altre potenze occidentali, in primis Stati Uniti e Francia, che temono attacchi ai civili e non agli obiettivi Isis.(immagini Afp)