Roma, (askanews) - Non si arresta la furia dello Stato Islamico in Siria, questa volta rivolta contro i simboli del cristianesimo. I jihadisti hanno distrutto il monastero cattolico di Mar Elian in al Qariatayn, a sud-ovest di Homs, città nel centro della Siria.Il sito era stato costruito nel quinto secolo dopo Cristo. Ad annunciare il nuovo attacco sono stati gli stessi uomini del Califfo che hanno diffuso immagini con i bulldozer al lavoro tra le rovine dello storico luogo.La località di al Qariatayn è controllata dal Califfato nero che secondo attivisti siriani, dopo aver sequestrato 230 persone, tra cui decine di donne, ne ha rilasciato circa un centinaio.