Damasco (askanews) - Almeno 10 persone sono rimaste uccise e 40 ferite in un attentato provocato da un'autobomba sulla piazza Hamam di Latakia, nella Siria nord-orientale, una regione considerata un tradizionale feudo della famiglia del presidente Bashar al-Assad. La strage rappresenta l'attentato più sanguinoso messo a segno a Latakia dall'inizio della guerra civile in Siria, nel marzo del 2011. Quattro dei feriti versano in gravi condizioni per cui il bilancio sembra destinato ad aggravarsi.Anche nel panorama sempre più selvaggio e drammatico della guerra siriana si tratta di un evento piuttosto insolito dal momento che le milizie islamiste ribelli, trincerate su alcune colline che circondano la città, normalmente fanno ricorso a lanci di razzi per colpire Latakia.Il conflitto siriano in quattro anni di guerra ha provocato la morte di oltre 240mila persone e milioni di profughi e sfollati.(Immagini Afp)