Chiavari (askanews) - "Analizzando una mole cospicua di dati, osserviamo infatti il traffico che proviene da oltre 160 Paesi del mondo e processiamo circa 90 miliardi di richieste DNS al giorno, siamo in grado di anticipare le mosse future dei cyber criminals". Lo ha detto ad Askanews Luca Simonelli, regional VP Sales OpenDNS di Cisco Systems, durante la quinta edizione del Cyber Defence Symposium di Chiavari."C'è un articolo interessante uscito qualche mese fa su una rivista -ha sottolineato Battelli- che paragonava OpenDNS alla Minority Report del Cyber Crime, il film con Tom Cruise in cui c'era questa squadra anticrimine in grado di bloccare i criminali prima che potessero commettere i crimini. Per prevenire le nuove minacce -ha concluso- bisogna fondamentalmente correlare fonti di informazioni diversificate tra di loro, applicando ad esse dei modelli matematici".