Roma, (askanews) - L'Assemblea regionale siciliana ha approvato la legge di riforma della province. Si conclude così un iter iniziato oltre due anni fa che adesso consente alla Sicilia di colmare il suo ritardo con la normativa nazionale, nonostante una partenza che anticipò il resto del Paese.Per il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, si tratta "della più grande riforma in applicazione allo Statuto mai fatta dal dopoguerra ad oggi. Dà un' autonomia incredibile ai comuni, valorizza i sindaci dei piccoli comuni schiacciati in questi anni da province burocratiche che non hanno mai fatto i loro interessi. Finalmente si procede su un modello vero. E' la migliore riforma sulle province mai fatta in Italia" ha concluso.