Palermo (askanews) - L'Assemblea Regionale Siciliana rende omaggio a Piersanti Mattarella e Pio La Torre, vittime illustri nella lotta alla mafia, dedicando a loro l'ex sala Gialla e l'ex sala Rossa di Palazzo dei Normanni. Alla cerimonia era presente, tra gli altri, anche il ministro dell'Interno Angelino Alfano che ha colto l'occasione per affrontare i temi dell'attualità, primo fra tutti l'immigrazione.

"L'Italia - ha detto - non è al collasso. Il sistema di accoglienza sta reggendo. Siamo sotto nei numeri rispetto a quanto accade in altri Paesi europei e in proporzione al numero del abitanti. Non vuol dire che sia una passeggiata. Ringrazio i Comuni, a cominciare da Palermo, che stanno dando una mano d'aiuto, perchè quando i Comuni aiutano noi siamo in grado di dare maggior efficenza".

Sul G7 in programma in Sicilia nel 2017 ha sottolineato l'importanza di un'occasione che consentirà di "dimostrare al mondo che l'Italia è un grande Paese che conosce i principi del diritto e della libertà, che sa accogliere ed essere al tempo stesso severo".

Dopo la cerimonia Alfano, insieme al presidente dell Ars, Giovanni Ardizzone, ha inaugurato la mostra di documenti e immagini dal titolo "Sicilia 1943-1947: sulle tracce dell'Autonomia", organizzata per ricordare il 70° anniversario dello Statuto siciliano. Per l'occasione, dopo accurati lavori di restauro e manutenzione, verranno riaperti, e quindi stabilmente resi visitabili, gli appartamenti reali e i giardini del Palazzo.