Roma, (askanews) - La capitale nordcoreana è un'ottima vetrina per promuovere l'immagine di successo e prosperità del paese. Tra le attrazioni della città c'è il Folk Park, alla periferia di Pyongyang, molto amato dalla classe medio-alta e dai quadri al potere. Qui si trova una replica dei principali monumenti della Corea del nord e poi l'immancabile spettacolo dei delfini:La direttrice del customer service, Jon Suk Yong, sottolinea: "In Corea un tempo non c'era un delfinario. Fin dagli anni Ottanta Kim Jon-Il ci ha detto che dovevamo avere un delfinario"Pyongyang è sempre stata una città esclusiva e appena il 10% di circa 25 milioni di abitanti può permettersi uno stile di vita che la maggioranza dei nord coreani può solo sognare. "Studenti universitari, studenti più giovani, soldati, normali gruppi di lavoro da tutto il paese vengono a farci visita", spiega una guida del posto."Il nostro precedente leader (Kim Jong-Il) disse che dobbiamo fare di questo parco folcloristico un grande sito educativo, per elevare lo spirito e per questo ci ha detto di costruire questa sorta di simulazione: questa costruzione va dagli antichi ai moderni tempi della storia coreana".Un tollerato capitalismo di fondo emerso dallo spirito di sopravvivenza e auto-sufficienza, che per molti ha significato lo sfascio del sistema comunista e anni di carestia, ha fatto emergere una classe di imprenditori con disponibilità economica e tempo libero. Una classe nata durante la leadership di Kim Jong-Il, ma che sta cominciando a stare bene sotto il figlio Kim Jong-Un, che ha preso il potere dopo la morte del padre nel 2011.(immagini afp)