Roma, (askanews) - I palestinesi seppelliscono i loro morti in un clima di tensione esacerbata all'indomani della giornata più sanguinosa della nuova spirale di violenza in Medio Oriente. Migliaia di persone hanno partecipato ai sette funerali previsti in giornata in Cisgiordania ma anche a Gaza, dove si è esteso il conflitto e dove sette giovani che lanciavano pietre sono stati uccisi dalle pallottole dell'esercito israeliano.Dal primo ottobre e dall'omicidio di due coloni in Cisgiordania, le violenze hanno ucciso quattro israeliani e 17 palestinesi, fra cui sei dei presunti aggressori.A Gaza i cortei funebri si sono trasformati in manifestazioni di sostegno del braccio armato di Hamas al governo nella Striscia.Oltre un migliaio di palestinesi ha partecipato anche al funerale del secondo palestinese ucciso in 48 ore nel campo profughi di Shufat a Gerusalemme est e altre migliaia sono andate alle esequie di due ragazzi uccisi a Hebron e a Yatta in Cisgiordania.Sabato mattina, intanto, Gerusalemme ha visto il tredicesimo attacco all'arma bianca in otto giorni contro israeliani. Due ebrei ultraortodossi sono stati lievemente feriti e l'aggressore palestinese, 16 anni, è stato ucciso secondo la polizia.