I mezzi venivano rivenduti all'estero e anche su internet