Roma, (askanews) - Quasi 800 fucili a pompa diretti dalla Turchia al Belgio sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza e dall'agenzia delle Dogane di Trieste. Le armi sono state ritrovate a bordo di un autoarticolato olandese, condotto da un cittadino turco, sbarcato al porto di Trieste, proveniente dalla Turchia e diretto in Germania, Olanda e Belgio.Le Fiamme Gialle hanno individuato centinaia di scatole di cartone, ciascuna contenente un fucile a pompa, per un totale di 781 armi da fuoco modello "Winchester SXP", tutte dirette in Belgio. Denunciato il rappresentante legale dell'azienda turca produttrice dei fucili di grosso calibro.