Roma, (askanews) - Sequestro di immobili, capitali e società riconducibili all'imprenditore romano Giovanni Lombardi Stronati, ex presidente del Siena Calcio, per un valore complessivo di 103 milioni di euro.Dagli accertamenti della Guardia di Finanza risulta che l'imprenditore - già debitore con l'erario per circa 160 milioni di euro - nel 2010 aveva fatto confluire una serie di immobili di pregio nel trust denominato "Joguvi", con il fine di nascondere il proprio patrimonio al Fisco.Le indagini delle Fiamme Gialle, oltre a rilevare violazioni alla normativa antiriciclaggio, hanno portato alla luce una serie di holding, società straniere, partecipazioni e intestazioni fiduciarie, tramite le quali Lombardi Stronati aveva schermato nel tempo i propri beni contro possibili azioni esecutive dell'erario.Le Fiamme Gialle hanno così sequestrato complessivamente 33 società, alcune aventi sede in Romania, Stati Uniti e Portogallo; partecipazioni societarie di altre 9 società; due imbarcazioni; 14 tra automobili e motocicli, 268 immobili, tra cui, vari appartamenti presso il complesso Yacht Club Costa Smeralda e il residence "i Gigli" a Porto Cervo; palazzi di appartamenti di pregio a Roma e a Milano.