Napoli, (TMNews) - Una zecca clandestina, dotata di presse e strumenti di precisione e 'clichè di conio' necessari per la riproduzione di monete e banconote false in grande quantità. A scoprire la stamperia abusiva a Casalnuovo di Napoli sono stati i militari della Guardia di Finanza che hanno arrestato i due falsari italiani ideatori dell'attività illegale.Per non essere scoperti i due trasportavano il denaro in doppifondi ricavati in automobili prese in prestito. I commercianti disponibili a ricevere monete e banconote contraffatte le acquistavano a metà del loro valore nominale e le immettevano sul mercato legale. L'operazione ha permesso di sequestrare denaro falso per un valore di circa 15mila euro. Posti i sigilli anche al capannone adibito a zecca clandestina e a tutta la strumentazione utilizzata per l'attività illecita.