Washington, (TMNews) - "Dobbiamo prendere seriamente queste minacce", ha dichiarato il segretario della difesa degli Stati Uniti Chuck Hagel dopo l'annuncio da parte della Corea del Nord di aver dato il via libera ad attacchi nucleari contro l'America. La prima reazione di Washington, è stata l'immediato spostamento di missili difensivi nella isola di Guam, nel Pacifico, per tenersi pronti a un eventuale attacco a fianco della Corea del Sud. "Ora hanno la reale capacità di lanciare missili - ha aggiunto Hagel - a questo è corrisposto un aumento della loro pericolosa e bellicosa retorica. Alcune delle azioni che Pyongyang ha condotto nelle ultime settimane rappresentano un reale pericolo per i nostri alleati, soprattutto Corea del Sud e Giappone. Bisogna prendere seriamente anche le minacce contro l'America". Secondo alcuni analisti, quello di Pyongyang è il classico ciclo di provocazione e estorsione. Alzare cioè il tiro con le minacce per poi ottnere qualcosa. Ma intanto l'amministrazione di Barack Obama ha rafforzato le difese del territorio americano, soprattutto sulla West Coast a portata di tiro dei missili nordcoreani.