Genova (TMNews) - Riparte la scuola e riprendono le proteste. A Genova, nel primo giorno del nuovo anno scolastico, un gruppo di giovani aderenti all'Unione degli studenti ha inscenato un manifestazione davanti alla sede della Regione Liguria attaccando sulle vetrate dell'edificio manifesti contro la precarietà, per il diritto allo studio e per il rifinanziamento della scuola pubblica."In italia c'è un tasso di dispersione scolastica del 18% che è dovuto al fatto che le persone ormai non si possono più permettere di studiare perché studiare è un costo".Così Giacomo, rappresentante dell'Unione degli studenti di Genova, che insieme ad altri ragazzi ha distribuito alcuni volantini ai passanti per spiegare i motivi della protesta. Il blitz, a cui hanno assistito senza intervenire gli addetti alla sicurezza del palazzo della Regione, è durato pochi minuti ma gli studenti hanno annunciano per le prossime settimane nuove mobilitazioni.