Roma, (TMNews) - "Il conflitto di interessi è assente nella discussione sulle riforme. Matteo Renzi negli ultimi mesi ha omesso, forse in nome del patto del Nazareno, di rimettere al centro questa questione, che era stato uno dei cavalli di battaglia della sua campagna per le primarie". A lanciare l'accusa è Arturo Scotto, capogruppo di Sinistra ecologia e libertà alla Camera. Sel propone ora di inserire la norma sul conflitto d'interessi in Costituzione. "Oggi è il momento. Deve venire prima della seconda lettura alla Camera della riforma costituzionale e dovrà essere una disciplina molto forte sul terreno delle sanzioni e sul terreno della prevenzione. Per questo presentiamo un disegno di legge costituzionale che inserisce il conflitto d'interessi nella Carta".