Palermo (askanews) - Una piantagione indoor di marijuana che avrebbe fruttato sul mercato al dettaglio circa 250mila euro. Era nascosta nelle campagne di palermo in un casolare costruito abusivamente in contrada Dingoli, in un area difficilmente accessibile e isolata. I carabinieri di Monreale hanno arrestato padre e figlio di 48 e 26 anni.

I militari, dopo aver fatto irruzione nell'immobile, hanno rinvenuto all'interno circa 500 piante e 550 germogli di cannabis indica in vaso.

L'intera struttura in muratura era servita da un impianto professionale di illuminazione artificiale e da un sofisticato sistema di aerazione. La corrente era abusivamente allacciata alla rete elettrica pubblica.