St Louis (askanews) - Tensioni negli Stati Uniti, a St Louis, dopo la morte di un ragazzo afroamericano di 18 anni, ucciso dalla polizia. Secondo la versione degli agenti, il giovane avrebbe puntato una pistola contro la pattuglia arrivata a casa sua per una perquisizione, mentre scappava insieme ad un altro dal retro. Il capo della polizia di St Louis, Sam Dotson, ricostruisce così la dinamica:"Gli agenti hanno ordinato loro di fermarsi e gettare la pistola. Uno dei due mentre correva si è girato e ha puntato la pistola. C'erano due ufficiali nel vicolo, hanno sparato entrambi, uno un solo colpo, l'altro tre. Il sospetto è stato colpito, ha lasciato cadere la pistola e ha continuato a correre finché non è crollato a terra."L'ennesima morte di un ragazzo di colore per mano delle forze dell'ordine ha scatenato la rabbia dei cittadini di St Louis che sono scesi in piazza per protestare. Si sono registrati momenti di tensione con la polizia che ha arrestato 9 persone. La città del Missouri è a pochi chilometri da Ferguson, dove l'uccisione di Michael Brown nell'agosto del 2014 riaccese le tensioni razziali in tutti gli Stati Uniti.