Roma, (askanews) - Porta Pia a Roma, dove si trova il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, i movimenti di lotta per la casa si sono radunati per protestare contro lo sgombero a Bologna di un edificio ex Telecom.I manifestanti, circa 200, comprese mamme con passeggini, si sono stesi a terra, bloccando il traffico, e dopo le ripetute richieste di liberare la strada, la polizia è ricorsa agli idranti. Un semaforo è stato abbattuto dal potente getto. "Sì hanno caricato, erano con idranti, con bambini disabili in mezzo alla strada", spiega questo manifestante. Una donna ha avuto un malore, motivo per cui sono intervenute le ambulanze. "La signora è stata presa e sbattuta a terra perché non voleva levarsi dalla strada", aggiunge.La polizia fa sapere in un comunicato che le operazioni sono state riprese e i partecipanti identificati ai fini della denuncia e che dovranno pagare 2.500 euro per il blocco stradale causato. A Bologna intanto, secondo Paolo Divetta, portavoce dei blocchi precari metropolitani: "Questa sera centinaia di persone sono per la strada, hanno provato a resistere coraggiosamente bambini, bambine, italiani, migranti, tutti insieme, tutti insieme per provare a dire che la dignità non ha un prezzo".