Roma, 21 ott. (TMNews) - Donne immigrate doppiamente vittime: sfruttate come lavoratrici nelle serre del ragusano e sottoposte ad abusi e violenze sessuali. Succede a Vittoria, in provincia di Ragusa, ed è urgente una risposta. Dopo il sopralluogo di alcuni giorni fa Giovanna Martelli, deputata Pd e titolare della delega sulle Pari Opportunità, annuncia, in una video intervista con Askanews, un piano nazionale anti-tratta. E il consolidamento di finanziamenti ad hoc."Abbiamo trovato una situazione complessa dove lo sfruttamento legato al lavoro in agricoltura e lo sfruttamento sessuale delle donne immigrate è un fenomeno diffuso - spiega -. Abbiamo incontrato persone straordinarie che operano sul campo e presidiano il territorio, come la cooperativa Proxima che si occupa del reinserimento delle donne sfruttate e la Flai-Cgil che fa un grande lavoro sul capolarato. La domanda è: cosa possiamo fare insieme? Unire la forze innanzitutto". In questo senso "l'impegno del Dipartimento delle Pari Opportunità è quello di consolidare il finanziamento sul sistema antitratta"."Abbiamo immaginato e previsto di mantenere anche per il 2015 l'impegno sul consolidamento del sistema antitratta - conclude - e questo avverrà. Vogliamo costruire un piano nazionale antitratta con la logica della costruzione partecipata".