Una risposta dura quella di Roberto Saviano al ministro degli Interni Matteo Salvini che aveva detto di voler ripensare alla sua scorta. «Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio – ha detto Salvini –, anche perché mi pare che passi molto tempo all'’stero. Valuteranno come si spendono i soldi degli italiani». Sul suo profilo Facebook, lo scrittore affronta a muso duro il leader leghista, ricordando la presenza di esponenti dei principali clan criminali della ‘ndrangheta durante i suoi comizi in Calabria e dei legami tra il suo partito e le organizzazioni criminali.

ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO
Scontro Saviano-Salvini, Fico si schiera: chi si oppone a mafie va protetto da Stato
«L’Italia è il Paese che ha nel suo ventre tre fra le più grandi organizzazioni criminali internazionali: mafia, camorra, 'ndrangheta. Tutti i cittadini, gli imprenditori e gli intellettuali che hanno avuto il coraggio di opporsi alla criminalità organizzata devono essere protetti dallo Stato. Spero che al più presto questo male possa essere definitivamente sradicato, diventando così solo un brutto ricordo. In questo modo nessuno dovrà più essere scortato perché finalmente libero». Lo scrive, in un post su Facebook, il presidente della Camera Roberto Fico, che così ha preso nettamente posizione per lo scrittore Roberto Saviano, oggi impegnato in un durissimo scontro polemico con il ministro dell'Interno Matteo Salvini...continua a leggere »