Roma (TMNews) - Rischiare la propria vita per salvare un cane randagio. Lo ha fatto un giovane saudita nonostante che i dotti della sua fede religiosa, l'Islam, "sconsiglino" i contatti con questo animale perchè ritenuto "impuro".L'episodio è in un video postato su Youtube nel quale si vede un giovane, nel deserto saudita, calarsi con una corda di fortuna in un pozzo profondo circa 10 metri per salvare un cane di piccola taglia che era finito lì non si sa come.Geniale l'idea del giovane che per fare la corda ha legato insieme un cavo elettrico che era nella sua auto con il tipico copricapo arabo il "Kefiah". Una volta raggiunto il fondo il soccorritore avvolge il piccolo animale con una coperta che lega al collo prima di arrampicarsi sulle mura del pozzo.Il cane una volta fuori corre lontano dimenticandosi di "ringraziare" il suo salvatore. E per spiegare il suo gesto, il giovane ricorda un aneddoto su Maometto, in cui il profeta ordina ai musulmani di avere "misericordia per gli animali".