Roma, (askanews) - Visita dell'ex presidente francese Nicolas Sarkozy al museo Bardo di Tunisi, a pochi mesi dall'attentato che ha colpito la capitale tunisina e alla strage sulle spiagge di Sousse. Una condanna degli atti terroristici: "E' una guerra contro la civiltà messa in atto da barbari. Si tratta di questo. Una guerra alla civiltà, alla cultura e alla democrazia".Per il capo dei conservatori e probabile candidato alle presidenziali del 2017, il terrorismo è un problema globale: "E' cruciale che la Francia sia a fianco della Tunisia, come tutti gli altri paesi, non è un problema solamente della Tunisia. È un problema di tutte le democrazie, è il problema della civiltà contro la barbarie. I tunisini non possono essere lasciati soli"."Credete che Parigi sia al sicuro? Credete che Londra sia al sicuro? Che Francoforte sia al sicuro? No, è la moltiplicazione di atti terroristici".Al Museo Bardo, Sarkozy ha deposto una corona in memoria delle vittime dell'attentato del 18 marzo, dove morirono 21 turisti e un poliziotto tunisino.Immagini: Afp