Milano, (TMNews) - "Troppi cani randagi per strada? Mangiamoli". Non è una battuata poco corretta, ma la proposta concreta di diversi politici dell'isola di Samoa. "We can use the meat as food or something else like sausage"..."Potremmo usare i cani randagi come alimento, salsicce o cose simili" dice Toleafoa Faafisi, condirettore al ministero dell'Istruzione" e membro del parlamento;che aggiunge: "In alcuni paesi mangiano serpenti, carne di cavallo e appunto di cane". E quindi per lui non ci sarebbe nulla di strano a cacciare i randagi per trasformarli in merce d'esportazione.Ad appoggiare l'idea c'è addirittura il ministro delle finanze, che in una dichiarazione ha spiegato come in Asia la carne di cane sia usata come alimento soprattutto nei mesi freddi. Ma l'entusiasmo dei parlamentari non sembra condiviso dai cittadini. E qualcuno non esita a definire l'idea "Yuck", ovvero "una porcheria".Ma non è tutto. In alternativa per risolvere il problema dei cani randagi, c'è anche l'ipotesi di usarli per le corse. "Le persone pagherebbero i biglietti d'ingresso, si divertirebbero per la corsa e il problema dei cani randagi sarebbe risolto" insiste Toleafoa Faafisi.A mostrare un po' di prudenza, è il ministro della polizia Sala Fata Pinati, che ammette l'impossibilità di cacciare i randagi tra le persone al mercato. "Lavoriamo in stretto contatto con le associazioni animaliste, assicura. Affermazione dal tono rassicurante, per quanto non definitiva.Per il momento, tuttavia, sembra proprio che per i samoani, amanti dei picnic all'aperto, la carne di cane resti fuori dal menu.