Rho, (askanews) - Vedere il mondo dall'Expo di Milano è come essere ancora nello Spazio. Parola di Samantha Cristoforetti, capitano dell'Aeronautica e prima astronauta italiana negli equipaggi dell'Agenzia spaziale europea, reduce dalla missione Futura, la seconda più lunga dell'Asi, sulla Stazione spaziale internazionale, in visita sul sito dell'Esposizione universale. L'astronauta italiana è a Expo in forma privata, in compagnia di due colleghi di spedizione, lo statunitense Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov: la loro prima tappa è stato il Padiglione Zero, poi i tre si sono spostati nel padiglione degli Stati Uniti. Nella terrazza hanno incontrato un gruppo di giovani americani, con cui hanno scambiato i saluti e hanno fatto una foto di gruppo: proprio mentre firmava alcuni autografi Samantha Cristoforetti, che non incontra i giornalisti in questa occasione, ha risposto ad una domanda. "Il mondo si vede meglio dallo Spazio o da Expo?" le hanno chiesto, e lei ha riposto: "Si vede meglio da tutte e due le parti". La visita dei tre astronauti, accompagnati dal presidente dell'Asi Roberto Battiston, è proseguita al padiglione russo, a Palazzo Italia e si conclude al padiglione di Alitalia ed Etihad, dove l'italiana incontra un gruppo di studenti.