Milano (askanews) - La Lega prende il doppio dei voti di Forza Italia in Emilia Romagna e il suo leader Matteo Salvini punta dritto a costruire l'alternativa a Renzi e raccogliere la sfida per la guida del Paese. A patto però, ha detto dopo l'exploit leghista nella storica regione rossa, che Forza Italia si dia una scossa e non faccia da stampella al premier sulle riforme. Salvini spera che in un veloce dibattito in Forza Italia sui contenuti e dice no ad Alfano, che, ha detto, non "ha niente di alternativo a Renzi".Noi offriamo una proposta politica in tutto il centrodestra. Evidentemente gli elettori non apprezzano gli ammiccamenti, i tentennamenti, i cambi d'idea, le stampelle a Renzi. Vogliono proposte alternative, soprattutto in campo fiscale, meno Stato e meno burocrazia, e poi un'immigrazione più controllata. E poi proposte concrete.Salvini non nasconde che dopo queste elezioni la sua posizione si è rafforzata nella corsa a una futura leadership del centrodestra. In ogni caso, ha sottolineato,Il voto in Emilia-Romagna ci dà la responsabilità di essere presenti anche al centro e al Sud, cosa che comincerò a fare già nei prossimi giorni."Abbiamo quadruplicato i voti in sei mesi. Quindi evidentemente abbiamo un progetto che alla gente piace". "Un'astensione così alta è una sconfitta per tutti, anche per me".Sarà Salvini il prossimo leader del centrodestra? Il leader del centrodestra lo decideranno gli italiani nelle piazze, sottoscrivendo un programma e scegliendo i candidati. Non verrà scelto in una stanza di partito. E sulla sua possibile candidatura, si schermisce, senza però tirarsi indietro: "E' pieno di nomi più spendibili del mio. Se non proprio non ne trovassero un altro, sono a disposizione".