Roma, (askanews) - "Razzista", "fascista", "vattene via da Roma": in piazza del Campiglio dove il segretario della Lega Nord Matteo Salvini presenta la manifestazione nazionale del Carroccio va in scena una doppia contestazione. Da un lato alcune studentesse che lo associano a Renzi ed espongono il cartellone "Né Salvini né Renzi, non c'è Matteo che tenga", dall'altro alcuni militanti di Sel. Da Sinistra ecologia e libertà le accuse gridate: "Omofobo, fascista".Da parte sua Salvini non raccoglie e osserva: "Rispondo solo a domande intelligenti". Poi spiega: "Non rispondo a quattro cretini, a quattro poveretti", "piuttosto spero di aiutare i romani a riprendersi questa città perché Marino è inadeguato" e "la sta conciando come non mai".